LA STORIA

Nel piccolo paese di Nuvolera, negli anni 60, quasi tutte le donne lavoravano per i tanti calzifici della zona e una volta sposate, si licenziavano e lavoravano a casa sempre nel settore delle calze, rimagliando, stirando o confezionando calzini.

Cosi pure la mamma di Zambelli Pierino (Rino) a casa aveva una macchina del rimaglio (per la cucitura della punta delle calze) e molte erano le ore che passava a cucire. Rino aiutava la mamma, doveva tagliare le catenelle che univano le calze in cambio di una piccola mancia.

Il datore di lavoro della mamma propone a Rino di imparare nel suo calzificio il lavoro di meccanico all’età di 14 anni (nel 1966), finite le scuole medie.

Cosi comincia la sua esperienza nella riparazione ed assistenza alle macchine presso quello ed altri calzifici. Nel 1976 a soli 24 anni apre un proprio laboratorio a fianco della sua abitazione lavorando completamente conto terzi.

Nell’80 si sposa con Gloria e nell’82 in attesa della prima figlia Anna, frequentano un corso di alimentazione presso la biblioteca di Nuvolera; il relatore è un dottore (ora iridologo) che li informa sui vantaggi dell’alimentazione biologica.

Cosi iniziano i loro primi acquisti di frutta, verdura e formaggi presso l’azienda biodinamica “Il Cammino” di Nuvolera, sono proprio quest’ultimi che chiedono a Rino e Gloria una produzione di calze più naturali.

E da qui che il calzificio intraprende un percorso di consapevolezza ecologica, ponendo attenzione sia alla qualità delle materie prime utilizzate che alla bassa nocività delle tinture ed alla limitazione e riciclabilità degli imballaggi, riducendo al minimo la produzione di rifiuti.

Inizia così la ricerca e l’utilizzo di filati il più possibile ecologici:
-Cotone Biologico
-Lane naturali ed alpaca non tinto
-Canapa
-Lino

E la produzione dei primi articoli. Nell’87 nasce il secondo figlio Daniele e contemporaneamente la prima crisi del settore tessile; qui Rino e Gloria puntano ad allargare la produzione biologica con nuovi articoli e partecipando a mercatini biologici della zona per farsi conoscere.

Da allora, pian piano il calzificio si è convertito, dalle calze tradizionali, alla produzione di calze biologiche ed ecologiche che vende con il suo marchio “NATUR” Attualmente la produzione, si è ampliata ad una vasta gamma di articoli adatti a tutti, rivolgendo la propria vendita a rivenditori, GAS e privati, dando lavoro a Rino, Gloria, Anna, Daniele ed un’operaia.